Come fare i report in Analytics

I report vengono effettuati per analizzare il rendimento del tuo sito online, tanti gli aspetti da valutare nelle analisi, Analytics ci viene in aiuto, ma scopriamo quali sono i dati più rilevanti.

Per conoscere meglio l’andamento del tuo sito, analizziamo cosa succede dietro le quinte, un primo aspetto da valutare è il periodo da monitorare, una volta impostato all’interno del calendario, visualizziamo il comportamento degli utenti:

panaromica-pubblico

leggiamo il numero di sessioni svolte sul sito, quanti utenti arrivano e dal grafico a torta abbiamo anche un idea degli utenti nuovi e di quelli di ritorno. Da questo report si desume che uno degli obiettivi sarà quello di diminuire il divario tra queste due percentuali di utenti, cercando di aumentare quella degli utenti di ritorno, perché questo indicherebbe l’aumento delle fidelizzazioni al tuo sito. Sarà quindi un indicazione utile per lavorare in questa direzione.

Leggiamo quante pagine vengono visualizzate in media in ogni sessioni e quanto dura una sessione, visualizziamo la frequenza di rimbalzo, considerandola nel suo aspetto generale. Un secondo obiettivo da migliorare, per chi si affida ad un esperto oltre a monitorarla, è quello di rendere questo valore quanto più basso è possibile, nel tempo, perché più è basso il suo valore e meno fughe ci saranno dal tuo sito, quindi questo rappresenta l’indice di gradimento del tuo sito per chi lo naviga.

È possibile conoscere da quale paese hai più visite e nello specifico anche le città da cui arrivano i tuoi utenti

paese

Per ogni città potrai leggere una tabella dettagliata, in cui vengono riportate un numero di sessioni, il numero di utenti nuovi, la frequenza di rimbalzo, la durata di sessione, le pagine che vengono visualizzate e le conversioni.  Quindi conoscerai i dati di acquisizione, quelli del comportamento e quelli delle conversioni nel caso di un e-commerce.

Inoltre potrai conoscere il sistema operativo utilizzato dagli utenti, il browser e più nello specifico i sistemi mobili utilizzati. Se ci sono utenti, che raggiungono il sito da mobile, è giusto considerare, se il tuo sito è responsive, cioè se è visibile da tutti i sistemi che lo raggiungono.

Conosciamo con Analytics il tempo di caricamento medio della pagina, il tempo di reindirizzamento medio per pagina, il tempo medio di connessione del server, la velocità del sito sono tutti fattori importanti, da non sottovalutare, perché ad esempio se il caricamento è lento l’utente potrebbe annoiarsi, effettuando questa analisi si potrebbe capire quali sono i fattori che lo rallentano e risolverli eventualmente per migliorarne la navigabilità.

Visualizziamo le pagine in cui hai più traffico di utenti, quelle con più accessi e quelle con più uscite. Questi dati, registrati e analizzati ti permetteranno di lavorare soprattutto sulle pagine che determinano più uscite, perché l’ obiettivo è quello di trattenere un tempo maggiore l’utente nella sua interazione con il sito.

In ultimo è importante conoscere da quali canali arrivano gli utenti.

Quali sono quelli principali da cui arriva il tuo traffico?

traffico-web-canali

Questi sono quelli principali:

  • traffico di ricerca organica ossia il traffico proveniente da un motore di ricerca,
  • traffico diretto indica gli utenti che digitano direttamente nel motore di ricerca l’URL del sito senza passare per altri siti
  • traffico di referral è un traffico mediante un link presente in un altro sito web, o all’interno di una recensione o altro
  • traffico social è quello proveniente dai social network tipo Facebook, Twitter, Instagram e altri
  • traffico paid search è il traffico in arrivo da inserzioni pubblicitarie ed annunci sponsorizzati è un tipo di traffico basato su campagne pubblicitarie AdWords.

 

Conclusioni

Questi sono solo alcuni dei dati che il tool registra e che puoi unire in un report per avere un quadro chiaro dell’andamento di un sito.  Dopo aver preso coscienza dell’andamento del tuo website puoi considerare gli aspetti da migliorare e poi proseguire con quelli che sono gli obiettivi che si desiderano raggiungere per migliorare sempre più.

Questi sono i dati che registro in un report per avere un quadro chiaro e veloce della salute di un sito, tu quali inserisci? Usi la reportistica per analizzare il tuo sito? Aspetto le tue risposte in un commento.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *