La struttura di un account Analytics

google-analytics

Gli argomenti trattati in Analytics sono numerosissimi, ho parlato dei rapporti, come quelli relativi il pubblico, con le relative informazioni.  Ho trattato i dati di acquisizione in modo da avere un quadro della situazione completo: da dove arrivano gli utenti, quali sono i canali di traffico, che portano un maggior numero di sessioni, utili per valutare le eventuali strategie da adottare per implementarli al meglio. Ho anche trattato il comportamento degli utenti, da questo rapporto si evince l’approccio che l’utente ha con i contenuti del tuo sito, in tal modo riesci ad avere una visione dell’andamento delle pagine del sito e valutare le eventuali modifiche da apportare.

Inoltre le conversioni utili per valutare obiettivi impostati, che desideri ottenere e che hai deciso di implementare in un piano di miglioramento del tuo business. Ho trattato anche l’implementazione degli obiettivi. Ho affrontato anche i dati e-commerce molto importante è stata anche trattata con molta attenzione la canalizzazione multicanale e i modelli di attribuzione presenti nel pannello.

Ma facciamo un passo indietro e valutiamo come è strutturato un account in Analytics.

Ci sono tre grandi aree importanti per la lettura e le impostazioni dei dati:

account-analytics

Per la lettura sono fondamentali i Rapporti, quelli che ho sintetizzato sopra.

Rappresentano il lato più bello per l’analista, perché è l’area in cui sono contenuti i dati da analizzare, i grafici e le tabelle.

Oltre i rapporti pubblico, acquisizione, comportamento e conversioni, ci sono anche le dashboard ( quelle offerte dal sistema, quelle personalizzate,  le seconde devi impostarle tu).

Altro rapporto importante è costituito dalle scorciatoie, utili per avere in breve tempo e a portata di mano dati, che visualizzi in modo giornaliero, i dati possono anche essere segmentati. Dai un’occhiata anche al rapporto eventi intelligence si tratta di avvisi relativi alle metriche e ai segmenti. Ricorda che questi avvisi possono essere automatici o personalizzati, in base alle tue esigenze e a ciò che desideri monitorare.  Non dimenticarti del rapporto in tempo reale che ti permette di visualizzare come se tu fossi un detective, cosa fanno i tuoi utenti sul sito. Quali sono le pagine che stanno osservando, quanti utenti sono presenti nel momento in cui osservi il rapporto, quale dispositivo stanno utilizzando e da quale località stanno effettuando la visita. Cosa stanno facendo in caso tu abbia impostato obiettivi o eventi che desideri monitorare e che tipo di traffico ti ha portato quel visitatore al sito.

La personalizzazione invece ti permette di trasformare in pochissimi passaggi un rapporto da standard a personalizzato lo imposti in base alle tue esigenze oppure puoi importarlo dalla galleria, utilizzando esempi di rapporti consigliati e creati da analisti che hanno deciso di condividerli.

Ultima e importantissima è l’area dell’amministrazione dove riesci a risalire alle impostazioni dell’account, delle proprietà e delle vista impostate per il tuo web site.

account

Le impostazioni dell’account ti danno info sull’ID account e sulle relative impostazioni di condivisione dei dati, decidi ed imposti la gestione utenti con le relative autorizzazioni, visualizzi la cronologia delle modifiche al sito e chi ha apportato le eventuali modifiche.

Nelle proprietà invece, risali alle impostazioni, alle info sul codice di monitoraggio, ai prodotti collegati all’account Analytics.

Mentre nell’area relativa alla vista che desideri valutare, imposti gli obiettivi, aggiungi i filtri per modificare i dati di raccolta, imposti i dati e-commerce, inserisci i segmenti e le annotazioni di ciò che è importante ricordare, associando una data ad un evento relativo al sito. Scegli i modelli di attribuzione, imposti avvisi personalizzati, le scorciatoie e tanto altro.

Questa è la struttura dell’account e quelli che ho elencato sono tanti punti importanti sui quali lavorare e svolgere valutazioni e modifiche.

Quali sono i rapporti che visualizzi maggiormente? E quali sono i rapporti che trasformi da standard a personalizzati?

Parliamone nei commenti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *