Come migliorare le vendite di un’ecommerce

Quando apri uno shop online hai un obiettivo: migliorare le vendite. D’altro canto hai investito tanto e credi che sia giusto avere questo privilegio. Ma aumentare le vendite di un sito ecommerce non è facile.

Anzi, è un lavoro complesso. Perché un portale web di questo tipo non è semplice da gestire. Pensa all’ottimizzazione per i motori di ricerca: sulla carta è schematica, semplice, basata su un lavoro di keyword research, buona struttura di navigazione e contenuti capaci di rispondere agli intenti.

Come migliorare le vendite di un'ecommerce

Però questo si scontra di fronte al dato materiale: c’è tanta concorrenza e non è facile imporsi sulle query commerciali. Poi l’analisi allarga all’user experience, altro punto interessante per le transazioni.

Il comportamento del pubblico influenza i tentativi di aumentare le vendite di un sito ecommerce. Se il lavoro che hai svolto non si allinea con determinati parametri, osservati e misurati, rischi di muoverti a vuoto. Senza scopo. Non è questo il modo giusto per procedere, vero? Ecco cosa devi fare oggi.

Da leggere: anchor text e link interni per la SEO

Dai alle persone esattamente ciò che vogliono

Hai presente quelle pagine categoria prodotto che sembrano degli articoli del blog? Ecco, prova a pensare in questo modo: se io entro in un negozio di scarpe voglio prima sapere cosa sono, quando sono nate le prime calzature, chi ha inventato le sneakers per fare sport, come si crea la gomma.

Per caso in questo negozio voglio sapere chi ha confezionato quelle scarpe? No, preferisco scegliere e comprare. Qui c’è un buon punto di partenza per capire come tentare di aumentare le vendite di un sito ecommerce: crea delle pagine dedicate alle conversioni e altre alle informazioni.

E cerca di soddisfare necessità precise, basate sull’esperienza e sull’osservazione dei competitor nelle serp. Prendi spunto dall’opera di chi fa inbound marketing per ecommerce ogni santo giorno.

Non cadere nella trappola del contenuto di qualità rinchiuso nella sua forma testuale. La scrittura è importante ma Google non guarda solo quello: cerca di dare alle persone ciò che vogliono.

Migliora i passaggi del carrello vendita

Il percorso che porta un utente dalla scheda prodotto all’acquisto è delicato. Ciò si basa su un equilibrio logico che va oltre quelle che sono le opinioni personali. Tu pensi di aver studiato i passaggi alla perfezione, ma i clienti non la pensano così. In realtà qui c’è un’unica strada da seguire: KISS.

Keep it simple, stupid. Ogni click deve essere pensato per andare avanti, gli anchor text descrivono l’azione, le icone suggeriscono spostamenti, i campi si riducono al minimo: non ci sono richieste inutili, e i logo delle carte di credito (come quelli dei sistemi di sicurezza) tranquillizzano il pubblico.

Aumenta velocità e adegua le pagine al mobile

Due consigli in un unico punto: lavora sodo per migliorare la soddisfazione dell’utente. Questo non è solo un vezzo importato dai testi di UX ma uno snodo importante per l’ottimizzazione SEO di un ecommerce e per aumentare le vendite. Ad esempio, lo sai quante persone lasciano le pagine a causa della lentezza?

velocità seo ecommerce

Come puoi vedere dall’immagine (dynatrace.com) il tempo di caricamento della pagina influenza non poco le dinamiche che portano all’acquisto. Lo stesso discorso vale per l’ottimizzazione smartphone.

Questi sono gli strumenti per migliorare le pagine web, in particolar modo le schede ecommerce e le categorie che guidano l’utente verso i prodotti che vendi. A volte per aumentare le vendite sul sito web basta avere a cuore le persone che vuoi accogliere: devono essere felici di navigare.

Aggiungi correlati, up-selling e cross-selling

Non puoi pensare a vendere un unico prodotto. Voglio dire che ogni visita dovrebbe essere sfruttata per vendere il maggior numero di prodotti possibile. Questo è il modo migliore per massimizzare ogni singola visita: ogni scheda dovrebbe avere una serie di prodotti correlati alla fine del contenuto principali.

aumentare le vendite di un sito ecommerce

Ma limitarsi a questo può essere un errore: ragiona sul crossselling, vale a dire sulle vendite di prodotti che completano e soddisfano le esigenze di un utente. Insieme a questo punto devi considerare la possibilità di operare sull’upselling, vale a dire proposte che permettono di suggerire soluzioni avanzate.

Metti in primo piano le recensioni del pubblico

Lasciare la parola alle persone che hanno già acquistato il prodotto o il servizio ha un vantaggio. Anzi, i lati positivi sono diversi: in primo luogo sfrutti la forza della persuasione. Il pubblico è attento a ciò che dicono gli altri. Cercano delle scorciatoie mentali, soluzioni semplici per capire cosa succede.

Le recensioni possono attivare questo meccanismo, soprattutto se vengono accompagnate alle stelline: il rating è una sintesi virtuosa che dà al pubblico un indicatore visuale. Inoltre se lavori con i rich snippet puoi aggiungere i dati strutturati e assicurarti che nella serp appaiano anche questi elementi.

Un passaggio in più aumentare i click proprio come quelli che metti a punto ottimizzando tag title e meta description. Tutto questo senza dimenticare che le recensioni rappresentano testo contestualizzato che si aggiunge alla scheda prodotto. Google legge e interpreta questo contenuto a tuo favore.

Ottimizza i pulsanti che portano alla vendita

C’è il bottone del cartello, poi c’è quello che consente alle persone di procedere nel percorso d’acquisto. Sai cosa devi fare? Individua i pulsanti che fanno parte del tuo processo e inizia ad attivare delle prove. Dei test capaci di comprendere quattro elementi fondamentali che puoi modificare in modo isolato:

  • Testo.
  • Forma.
  • Colore.
  • Posizione.

Le combinazioni sono infinite, questo è vero. Però come ho detto prima devi isolare i cambiamenti. Nel senso che non puoi applicare modifiche a copy e colore: il cambiamento delle vendite (in meglio o in peggio) non può essere individuato. Cosa ha portato la variazione? Modifica un solo elemento alla volta.

Da leggere: 6 controlli periodici da fare sullo shop online

Aumentare le vendite di un sito ecommerce

Per ottenere questo risultato devi avere ben chiaro un punto: non puoi operare a costo zero. Se hai creato già un buon ecommerce sai che l’investimento è importante. Se vuoi aumentare i risultati, a partire dall’ottimizzazione SEO delle schede prodotto, hai bisogno di strumenti e conoscenze.

Altrimenti rischi di muoverti alla cieca. Sei d’accordo? Tu hai già iniziato a procedere in modo da aumentare le vendite di un sito ecommerce? Ti aspetto nei commenti, lascia qui la tua opinione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *