Cosa tracciare con Universal Analytics

Il vantaggio di chi si interfaccia con Google Analytics è quello di possedere tra le mani uno strumento potente, in grado di monitorare tutto ciò che accade all’interno delle pagine del tuo sito web.

La versione dell’Universal Analytics inoltre, ti permette di monitorare con maggiore precisione i tuoi contenuti e ciò che accade, quindi hai il vantaggio di avere dati più precisi in grado di fornirti maggiori informazioni utili ai fini del tuo core business.

Vediamo nei dettagli cosa è possibile monitorare, praticamente tutto!

Come monitorare tutto ciò, che accade all’interno delle pagine del tuo website.

Il primo punto da avere chiaro e fisso è quello di sapere cosa si desidera monitorare, le azioni che gli utenti svolgono sul sito e ciò che invece ti starà a cuore, sono dei punti delineati dalla natura del sito stesso.

È importante avere un livello di accesso all’account Analytics completo, che ti permetta di effettuare tutte le possibili modifiche all’interno dell’account in questione. All’interno dell’area amministrazione nella sezione vista è possibile impostare tutti i tracciamenti possibili, cosa vogliamo tracciare?

È utile tracciare le conversioni.

Cosa sono le conversioni nel campo del mondo di Analytics?

Una conversione è un’attività completata, online o offline, importante per il successo della tua attività. Per conversione non si intende una transazione, ma un’attività completa, ad esempio, una registrazione completata alla tua newsletter, oppure un acquisto quindi in questo caso una transazione.

Una conversione può essere macro o micro. Una macro conversione è generalmente una transazione di acquisto completata. Invece, una micro conversione è un’attività completata, come una registrazione via email, che indica che l’utente potrebbe effettuare una macro conversione.

Immaginiamo che la conversione, che vogliamo monitorare è relativa alla pagina di ringraziamento presente sul nostro sito web, immagina, che l’utente ha effettuato l’iscrizione alla newsletter, alla fine della registrazione ci sarà la pagina del ringraziamento per aver compiuto l’iscrizione. È possibile monitorare in quanti si sono iscritti mediante l’implementazione dell’obiettivo relativo la thank you page,  impostando l’obiettivo, Analytics registrerà una conversione ogni volta che visualizzerà quella specifica pagina.

Per monitorare una conversione bisogna creare un obiettivo personalizzato.

Impostando nella seconda fase di implementazione dell’obiettivo stesso, il tipo di obiettivo, per monitorare una pagina specifica del sito, spunta la voce Destinazione obiettivo. Gli obiettivi Destinazione consentono di trattare come conversioni le visualizzazioni di pagina o di schermata. Inserisci inseguito il nome della schermata o l’URL della pagina nel campo di Destinazione. Specifica il tipo di destinazione ed inserisci URL della pagina da monitorare. URL va inserito in maniera diversa in base al tipo di destinazione che desideri impostare, ci sono diversi tipi di corrispondenza: È uguale a, Inizia con o Espressione regolare.

Gli obiettivi sono facili da impostare, l’unico svantaggio potrebbe essere che nei siti nuovi non vengono caricate le pagine di ringraziamento, in questo caso cosa si fa?

È semplice si ricorre agli eventi. Con gli eventi si possono tracciare azioni, che gli utenti svolgono sul sito, ad esempio azioni tipo il clic di un pulsante per l’invio di una richiesta preventivo, oppure il clic sul tasto scarica il Pdf, quindi è possibile prendere nota di un clic su di un tasto o anche il clic su di un link specifico.

Per registrare l’evento è necessario inserire un pezzo di codice a livello del tasto o del link che desideri monitorare, vediamo come è composto il codice che dovrà essere inserito:

ga(‘send’,’event’,’categoria’,’azione’,’etichetta’,’valore);

  • La prima parte del codice ga(‘send’,’event’ sono dei valori di base ed obbligatori.
  • La categoria identifica l’elemento che consente il verificarsi dell’azione che l’utente svolge ad esempio l’invio di conferma di un azione che si sta compiendo sul sito.
  • L’azione identifica il clic che si effettua per assolvere la richiesta di un preventivo, l’iscrizione alla newsletter, scarica il Pdf ecc.
  • L’etichetta invece non è obbligatoria può essere inserita o meno, ed identifica l’evento nello specifico ad esempio l’invio del form di richiesta preventivo.
  • Il valore anch’esso non obbligatorio serve solo ad assegnare un valore numerico all’azione che si svolge.

Ecco l’esempio del codice da implementare per monitorare il clic sul tasto che determina l’invio di richiesta preventivo su di un web site.

eventi

Una volta inserito il link dell’evento bisognerà inserirlo all’interno del sito, a livello del tasto che desideriamo monitorare o del link presente sul sito (il link può essere riferito ad un indirizzo mail da contattare) da monitorare, in seguito sarà possibile inserire come obiettivo evento il monitoraggio di queste azioni. Quindi sempre all’interno dell’area Amministrazione nella sezione vista crea un nuovo obiettivo, imposta come descrizione obiettivo la voce Evento e nei dettagli sarà possibile inserire le condizioni dell’evento come Categoria, Azione, Etichetta e Valore.

Con gli eventi è possibile quindi tracciare tutto ciò che avviene sulla pagina del sito, tra gli inconvenienti è importante sapere dove inserire il codice di tracciamento dell’evento.

Esistono altri due tipi di obiettivi che ti permettono di tracciare nello specifico la durata cioè il tempo che l’utente trascorre sul sito durante le sue visite, ed il numero di pagine/schermate per sessioni, cioè il numero medio di pagine visualizzate dall’utente durante le sessioni che svolge.

In ultimo ci sono gli obiettivi intelligenti che ci vengono in aiuto permettendoci di capire quali sono gli interessi degli utenti ai nostri contenuti.

Con l’Universal Analytics è più facile avere un tracciamento completo dei tuoi carrelli, scopri infatti un lato e-commerce all’avanguardia, che ti permette di accedere a maggiori informazioni.

Cosa è possibile visualizzare? Riesci a risalire al numero di sessioni in cui non hai avuto attività di acquisto, tale dato è rapportato al numero totale di sessioni svolte al sito in un determinato periodo di tempo monitorato. Inoltre prendi nota del numero di sessioni, in cui i tuoi utenti hanno visualizzato i prodotti ed in quante hai ottenuto aggiunte al carrello. Prendi anche atto del numero di sessioni in cui sono state avviate procedure di pagamento e in quante sessioni ci sono state invece delle transazioni. Visualizzi il numero di abbandoni del carrello. Scomponendo i dati è possibile conoscere quali sono i canali che ti portano un maggiore numero di transazioni per poter meglio capire quali sono i canali su cui è possibile investire.

Un fattore da non sottovalutare è quello inerente il tracciamento delle tue campagne pubblicitarie, è possibile mediante l’utilizzo di uno strumento di Google: l’URL Builder poter generare dei link personalizzati per monitorare il rendimento delle tue campagne. È molto semplice utilizzarlo, ti basterà impostare URL del tuo sito, la sorgente della campagna ad esempio Facebook, newsletter, google ecc, identifica il mezzo cioè il tipo di canale che origina le visite ad esempio cpc, referral, email ecc.

Imposta il termine della campagna ossia la parola chiave a pagamento questo è un fattore opzionale, così come il contenuto della campagna quindi i dettagli del messaggio pubblicitario. Ed infine imposta il nome della campagna, lo strumento ti metterà a disposizione un link personalizzato sulla campagna che hai creato.

Quando effettui una campagna AdW non dimenticarti di collegare i due strumenti in modo da avere un tracciamento più completo dei dati ed ottenere il giusto rendimento delle tue campagne di marketing.

Quindi non esitare utilizza Analytics sempre, comprendi il potenziale dello strumento in questione e confrontalo con AdW, trai le giuste somme sull’andamento del tuo business core, metti in risalto ed evidenzia quali sono i punti da migliorare o le strategie da modificare.

Abbiamo fatto un excursus su cosa e come monitorare, per chi svolge strategie di marketing, in coda, l’infografica realizzata da AdWorld Experience.

Chiara ed efficace per avere sott’occhio i passaggi più rilevanti per monitorare e tracciare i tuoi dati.

Ora tocca a te, hai curiosità sul’ argomento?

Lasciami un commento. 🙂

ita-tracciali-tutti

Infografica realizzata da AdWorld Experience


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *