Hamburger Menu: pro e contro

Amati quanto odiati, un po’ come i veri panini da fast food, gli Hamburger menu sono uno degli argomenti di web design più controversi degli ultimi anni. Un’usanza diventata trend proprio nell’ultimo anno, per hamburger menu si intende quel pulsante costituito da tre o due lineette (come gli strati del panino) sovrapposte che nasconde, quasi sempre a scomparsa, il menu di navigazione primaria. Il campanello d’allarme dovrebbe esserci acceso: in questi siti web il menu principale è nascosto, quindi sarà un bene o un male? Dipende con chi state parlando 🙂

L’hamburger menu è uno degli ultimi top trend di quest’anno, un trend che ha preso piede soprattutto dopo il superamento della navigazione da mobile e che oggi si trova anche sul desktop, con tutte le perplessità del caso. Gli hamburger menu sono quindi dei pattern molto discussi, hanno molti pro e contro, scopriamoli.

I Pro degli Hamburger Menu

I pro degli hamburger menu riguardano maggiormente il web design, quindi l’aspetto visuale di un sito web o di un’app su cui si decide di utilizzarlo:

  • Gli hamburger menu, salvano spazio ovunque. Soprattutto sul mobile dove lo spazio è tutto. Con questo menu a scomparasa il design diventa semplice e pulito, le voci di menu si mostrano e si nascondono al tap. Alcuni brand decidono di affiancarlo ad un’etcichetta o un tooltip per chiarificarne l’uso (ma al momento che devi spiegare qualcosa, c’è già un problema…)
  • Nascondendo tutto quello che “secondario” è possibile focalizzare l’attenzione dell’utente su un unico obiettivo, un’unica call to action. Se il vostro sito è un ecommerce che vende tantissimi prodotti è meglio se affiancate all’hamburger menu, una barra di ricerca. L’utente è più disposto a fare una ricerca a colpo sicuro di un prodotto che sta cercando, soprattutto se in mobilità perchè sa già quello che vuole.

I Contro

  • “Lontano dagli occhi lontano dal cuore”, se quello che è necessario non viene subito mostrato o non è subito visibile, è come se non ci fosse per l’utente. Questo potrebbe essere un grosso problema, al di là dei  gusti stilistici e del classico “lo fanno tutti”, il menu principale di navigazione (oltre ai benefici seo) essendo appunto la navigazione primaria di quel sito web o app, ha lo scopo di orientare e presentare il brand, i suoi prodotti ed i suoi servizi all’utente.
  • Un hamburger menu richiede più sforzo da parte dell’utente: più click necessari, più passaggi, più sforzo mentale nel cercare dove si trova il menu o capire di che cosa si occupa il sito web. Insomma, sono richieste in generale più interazioni, cosa che si cerca di evitare per quanto riguarda i siti web usabili.

Conclusioni

  • L’hamburger menu semplifica il design ma complica l’app o il sito web, nascondendo informazioni dietro tre linee non comunicative, ovvero che non dicono un bel nulla.
  • L’hamburger menu è spesso una scelta stilistica del web designer, piuttosto che una scelta di usabilità di un UX designer. Spesso non si tiene conto dell’utente e del contesto di utilizzo quando si fanno certe scelte. Ovviamente si dovrebbe 😉
  • La navigazione è una parte vitale del vostro sito web, state attenti a come presentarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *