KPI cosa sono e come misurarli

Ti sei mai chiesto qual è la differenza tra eventi ed obiettivi e soprattutto come si fa a definire quali obiettivi impostare all’interno del pannello di Analytics?

Il potenziale del Tools è quello di metterti a disposizione numerosissime info utili a farti capire l’andamento del tuo business online.

Il primo passo che l’azienda o per chi gestisce un e-commerce è quello di definire i KPI.

Cosa sono i KPI?

I KPI (Key performance indicators) sono degli indicatori chiave di prestazione, in effetti rappresentano degli indicatori in grado di misurare in maniera quantitativa gli obiettivi business che l’azienda si prefissa di raggiungere.

Ogni azienda ed attività online prima di ogni cosa dovrebbe definire i propri KPI in base agli obiettivi che desidera raggiungere, il tutto dipende anche dal settore aziendale, se si tratta di un e-commerce sicuramente uno dei primi obiettivi dell’azienda riguardano le transazioni.

Quindi se ci troviamo ad analizzare un sito e-commerce sicuramente gli acquisti e le transazioni rappresentano dati utili da considerare e da tenere sotto controllo, allora come possiamo fare  il punto della situazione? In questo caso possiamo impostare gli obiettivi considerando di impostare il monitoraggio di tutti gli STEP del carrello. In questo caso è possibile determinare se ci sono delle perdite di utenti e soprattutto, dove abbiamo gli abbandoni. In tal modo riesci ad avere la visione di quanti inseriscono i prodotti nel carrello, quanti procedono alla compilazione dei dati personali, visualizzi la scelta del metodo di pagamento ecc. Quindi in questo caso impostiamo gli obiettivi per valutare il raggiungimento di un punto importante per il core business di un attività.

e-commerce

Altri tipi di KPI da monitorare possono essere, la frequenza di rimbalzo, noto a tutti coloro, che leggono i pannelli Analytics, una metrica insidiosa, per me la metrica delle metriche (in quanto la ritengo importante), da monitorare costantemente, perché determina la percentuale delle sessioni che iniziamo e terminano all’interno della stessa pagina. È ovvio che tutti coloro che possiedono un sito sperano che l’utente visualizzi un numero alto di pagine, perché questo indica un interesse dell’utente al sito stesso. Ovviamente i fattori che determinano una frequenza elevata sono diversi e possono essere ricercati all’interno del pannello stesso.

Anche la richiesta di preventivo può essere un KPI da monitorare, oppure l’iscrizione alla newsletter o ancora la possibilità di scaricare un pdf o anche la visualizzazione di un video.

Tutte queste azioni possono essere tracciate e valutate quantitativamente mediante obiettivi o anche mediante l’impostazione degli eventi, si perché impostando gli eventi è possibile tracciare azioni nello specifico tipo il clic sul tasto di richiesta preventivo oppure la riproduzione di un video o ancora in quanti si iscrivono alla newsletter.

play

Quindi come puoi capire i KPI possono essere di diversa natura e di diverso tipo a seconda del tipo di sito e possono essere monitorate attraverso diversi tipi di strategie.

Ma ricordati che il primo passo per una corretta lettura dati e per un giusto tipo di monitoraggio è quello di stabilire i KPI e solo in un secondo momento è possibile valutare le strade da intraprendere e le strategie da adottare.

Ricorda che con Analytics monitori davvero tutto, non aver paura di intraprendere questo meraviglioso mondo di dati, ricco di informazioni utili che ti permetteranno di valutare le possibili strade e le giuste strategie da intraprendere, per poter migliorare il core business della tua azienda.

Quali sono gli indicatori che tieni sotto controllo?

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *