Come cambiano le note di Facebook?

come cambiano le note di Facebook

L’azienda di Menlo Park ha aggiornato la sezione Note. Da qualche settimana creare una nota di Facebook è molto più semplice e piacevole. Con un layout grafico accattivante – uno spazio simile a una piattaforma di blogging – la compagnia punta a rinnovare questo strumento troppo sottovalutato dai suoi utenti.

Gli obiettivi? Mantenere le persone all’interno del social il più a lungo possibile e incoraggiare blogger professionisti e giornalisti a pubblicare contenuti di qualità.

Anche Facebook è pronta a seguire la strada del social blogging inaugurata da LinkedIn Pluse e Medium? La risposta sembra essere affermativa. Resta da vedere come verranno accolte le nuove funzionalità. Rispetto al passato, le note di Facebook lasciano grande spazio alla personalizzazione.

Il classico foglio bianco senza sfumature è andato definitivamente in pensione, non avrai più l’impressione di scrivere su WordPad. Ma come cambia davvero questo servizio? Ecco le novità.

Le note di Facebook: a cosa servono

Le nuove note di Facebook sono a disposizione di tutti gli iscritti al social network più famoso del mondo. Con questo strumento puoi condividere le tue esperienze personali. Iasaac Salier-Hellendag, User Interface Engineer della società, fa chiarezza durante la presentazione ufficiale:

“Con questo aggiornamento puoi fare un resoconto delle tue vacanze estive o di un evento importante della tua vita. Puoi dire la tua riguardo a qualcosa che hai sentito dai media o scrivere una lettera aperta da condividere con il mondo. O, persino, condividere una ricetta speciale con tanto di lista degli ingredienti. Facebook è sempre stato un posto dove condividere i propri pensieri con gli amici e le note sono uno straordinario strumento per farlo”.

Cosa puoi fare con le note di Facebook

Per collegarsi a Note basta andare nell’apposita sezione. Un luogo destinato a diventare una vera e propria piattaforma parallela al social. Al momento puoi raggiungerla solo dal web anche se i risultati sono comunque visualizzabili da mobile. Le Pagine Facebook sono le uniche a non usufruire dell’aggiornamento. Per il momento devi rinunciare all’idea di promuovere la tua azienda scrivendo contenuti. Ora vediamo cosa ti permettono di fare le note di Facebook:

  • Aggiungere una foto di copertina in testa alla pubblicazione.
  • Formattare i testi come nelle principali piattaforme di blogging. Quindi puoi arricchire l’articolo con titolo, intestazioni h1, h2, elenchi puntati e numerati, link, font più curato e citazioni.
  • Aggiungere immagini al corpo testo.
  • Taggare i profili e le pagine di Facebook.
  • Selezionare il livello di privacy della nota. Sei tu a decidere quali persone possono o meno leggere il tuo contenuto.
  • Estrarre una URL dedicata. In questo modo puoi condividere il post anche in altri spazi virtuali.

In ogni caso, per Facebook Notes la rivoluzione è inarrestabile. Il social network di Mark Zuckerberg ha implementato anche il sistema di conservazione dei post. Puoi scrivere i tuoi contenuti sia in versione definitiva, sia in modalità bozza. Quest’ultima opzione ti consente di riaprire e aggiornare i contenuti in qualunque momento.

Le nuove note di Facebook sostituiranno i blog?

Ti rispondo subito: no. Le note di Facebook hanno una scarsa indicizzazione su Google. Forse il successo o meno di una nota sarà dettato dalla numero dei commenti e dal testo. Al momento non esiste nemmeno uno strumento efficace sulle statistiche di lettura. Insomma, non puoi avere tutti i vantaggi di un blog proprietario. La compagnia può cancellare i tuoi contenuti quando vuole. Il mio consiglio? Usa questa risorsa per realizzare approfondimenti o per esporre brevi opinioni, racconti, poesie.

La tua opinione

Facebook diventa sempre più a misura d’uomo: le persone al suo interno devono trovare tutto ciò di cui hanno bisogno. Dopo M l’assistente virtuale, il video profilo e il contatto erede anche le note di Facebook cambiano e scommettono sul longform writing. Tu hai già provato questo strumento? Credi abbia delle potenzialità?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *