8 app alternative a Canva per modificare le immagini

Canva ha creato uno standard per quanto riguarda le app di photo editing. Prima le applicazioni online potevano solo ridimensionare le immagini, al massimo alleggerire le foto per velocizzare il caricamento delle pagine web. Offrivano dei servizi utili ma Photoshop era sempre in cima alla lista delle soluzioni per creare un’esperienza visual speciale su blog e social.

app canva

Poi sono arrivati i filtri, ma niente di speciale. Ancora poca roba rispetto a un programma di fotoritocco. Con Canva la situazione è cambiata: hai a disposizione tutti gli strumenti per modificare una foto. Ma non solo. Puoi aggiungere grafiche, testo, forme e griglie. E lo puoi fare con dei modelli già pronti, devi solo lasciare spazio alla fantasia.

Sembra un sogno, vero? I grafici non sono d’accordo – d’altro canto avere il tool a disposizione non vuol dire conoscere il mestiere – ma è sempre vero che con Canva puoi creare delle ottime cose senza avere grandi competenze. Anche io ci riesco, figurati. Però mi rendo conto che Canva, per quanto potente e versatile, non offre tutte le combinazioni possibili. La soluzione? Devi andare oltre.

Devi creare grafiche differenti, vuoi allontanarti dallo standard di Canva. Che è sempre buono ma rischia di diventare monotono, ripetitivo, scontato. Ecco perché devi cambiare, devi provare nuovi sistemi per migliorare le tue immagini. Qualche consiglio? Ti lascio 8 app alternative per creare grandi immagini da caricare nei post o da usare per le campagne di social media marketing.

Picmonkey

Inizio questa lista con una delle alternative migliori, anche se quest’applicazione è diversa da Canva. Picmonkey, infatti, si posiziona a metà strada: da un lato ti consente di aggiungere elementi decorativi con una buona dose di libertà, dall’altro offre gli strumenti necessari per un editing standard.

Qui, ad esempio, trovi il taglierino per ridimensionare le foto e il salvataggio con tre standard qualitativi per alleggerire le immagini. Inoltre puoi modificare luce, saturazione, colori e ombre. Puoi avere diversi filtri sul lavoro, ma molti sono a pagamento. In ogni caso Picmonkey può risolvere l’assenza di Canva.

Befunky

Sei innamorato di Canva, ami il suo modo di lavorare e di creare grafiche, ma cerchi qualcosa di diverso? Ok, ci siamo. Ecco l’applicazione che devi avere sempre a portata di mano: Befunky è un’alternativa valida per modificare le tue immagini in mille modi differenti. Sto parlando di un’app online che offre i migliori strumenti per editare, creare collage e aggiungere filtri alle tue creazioni.

Social Media Image Maker

Il nome è chiaro, questa realtà è dedicata solo all’universo social media: con questo strumento puoi creare tutte le immagini per il tuo universo fatto di account Facebook, Twitter, Pinterest, Instagram e Google Plus. Tutto si basa sulla scelta di ciò che ti serve: pochi click e hai creato il tuo visual per il lavoro da svolgere. Se l’editor ti serve solo per il lavoro di SMM questa è la soluzione adatta a te.

PiktoChart

Un altro nome noto tra le app di photo editing online. PiktoChart si avvicina allo stile Canva e si specializza su un tema essenziale per chi fa blogging, e in particolar modo si occupa di content marketing. Mi riferisco alle infografiche: PiktoChart è decisivo per creare visual accattivanti e riassumere in un’unica schermata tutti i passaggi di un argomento.

PiktoChart

Le infografiche sono amate dal pubblico perché raccolgono in forma visuale dati noiosi da leggere diversamente, magari sparsi in fonti differenti. Con questo tool online puoi creare un’esperienza interessante per i tuoi lettori, e lo puoi fare con il classico sistema che hai imparato ad apprezzare con Canva: semplicità prima di tutto.

Da leggere: come fare link earning con le infografiche

Photojet

Qualcuno ha definito Photojet come la migliore alternativa a Canva. La logica è la stessa, la somiglianza con questo tool di photo editing è interessante. Qui puoi creare immagini specifiche per i vari social, collage, poster, documenti cartacei e lettere. I template disponibili sono innumerevoli, e lo stesso vale per le alternative grafiche. Insomma, se cerchi qualcosa di simile a Canva sei nel posto giusto.

Fotor

Un’altra combinazione di template, grafiche e filtri che richiama da vicino Canva. In questo caso hai 5 grandi caratteristiche da ottimizzare: photo editing, collage, graphic design, HDR e beauty retouching. I layout disponibili sono tanti, l’editor principale offre tutte le funzioni per modificare le immagini in termini di tagliare, ridimensionare e ruotare. Senza dimenticare i piccoli ritocchi di luce e colore.

Pablo

In realtà Pablo ha una funzione differente. Si tratta sempre di un’applicazione web per creare immagini modificate, ma è dedicato solo alle visual quote. Ovvero foto con testo in sovrimpressione. Quando carichi un’immagine, o quando la prendi dall’archivio interno, si aggiunge automaticamente un velo scuro sul quale puoi aggiungere il testo che preferisci.

Qui puoi decidere diverse soluzioni. Puoi cambiare font, dimensione delle lettere, posizione del testo. Puoi scegliere diverse misure per adattare il lavoro ai vari social e condividere dalla piattaforma sui profili. Esempio: crei una grafica con le dimensioni di Instagram e con un click la pubblichi sul profilo. Senza scaricare sul desktop.

Da leggere: i migliori plugin WordPress per le immagini

Stencil

Una delle migliori alternative a Canva, ma soprattutto la strada più vicina alla sua filosofia. Hai un pannello di controllo, hai le varie combinazioni per modificare il tuo lavoro, hai dei profili prestabiliti che ti sollevano dal peso della personalizzazione: è il programma a proporre la strada migliore per creare il tuo visual. Per molti questo è un dramma, per chi non ha grandi competenze è la salvezza. Il piano gratuito ha un tetto di grafiche mensili, ma per 9 dollari al mese fai tutto.

Quale app scegli per sostituire Canva?

Questi sono i nomi migliori, dal mio punto di vista, per rimpiazzare Canva. Se uno strumento è buono, ti soddisfa, deve essere usato al massimo. Ma questo non vuol dire chiudere gli occhi e ignorare tutto ciò che ti circonda. Ecco perché devi guardare avanti e cercare sempre alternative.

Qui trovi le app che fanno lo stesso lavoro di Canva. Il livello non è sempre simile, però il risultato è degno di nota e vale la pena investire un po’ di tempo per approfondire. Allora, tu hai già esperienza in merito? Hai utilizzato alternative valide per sostituire Canva? Lascia la tua idea nei commenti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *