Come creare un contact form su WordPress per attirare lead e clienti

Sai qual è la regola fondamentale dell’inbound marketing? La fluidità, deve esserci un movimento continuo e ben articolato per portare gli estranei a diventare di visitatori e poi dei potenziali clienti. In questo equilibrio devi sviluppare diversi punti, devi capire come creare un contact form.

Come creare un contact form su WordPress

Di cosa sto parlando? La risposta è chiara: il contact form è la congiunzione essenziale tra la persona che è arrivata sulla landing page e la tua reazione commerciale. Nel momento in cui l’utente usa questo modulo ti dà la possibilità di lanciare la tua offerta: è il permission marketing che prende forma.

Gli step dell’inbound marketing sono diversi, ma quello che ha come protagonista l’interazione tra utente e proprietario del sito web è centrale. Per questo devi capire come creare un contact form. Sembra un passaggio minore di una strategia complessa, eppure qui trovi meccanismi decisivi.

Da leggere: attrai, converti e delizia con l’inbound marketing

Cos’è un contact form su un blog WordPress

Il contact form è un modulo per inviare email al proprietario del sito – o alla persona che si desidera – attraverso uno schema semplice da compilare. Invece di lasciare il contatto email, che pretende numerose operazioni per essere usato, il webmaster inserisce dei campi che richiedono poche informazioni e consentono di inviare il messaggio senza lasciare la pagina (una vera comodità digitale).

Questo è indispensabile in un’ottica di efficienza e di usabilità. Il numero di messaggi inviati sarebbe inferiore senza il contact form perché gli utenti tendono sempre a ragionare in un’ottica di economia. Per raggiungere gli obiettivi devi pretendere il minor numero possibile di operazioni.

Più snello è il processo, meglio è per chi scrive la missiva elettronica. E per chi la riceve. Il contact forma ragiona proprio in questi termini, soprattutto quando si lavora da mobile: in questi casi nessuno prenderebbe l’indirizzo email per poi scrivere un messaggio dal proprio client di posta.

Come creare un form contatti con i plugin

Ora mi chiederai come generare un modulo contatti su WordPress. In realtà la risposta è intuitiva: basta installare un plugin e il gioco è fatto. È possibile avere un form senza estensioni? Certo, ma ormai la comodità di questi elementi ha preso il sopravvento: bastano pochi click per installare i migliori contact form per WordPress. Quali preferisco? Ecco un paio di nomi da ricordare.

Contact Form 7

Una vera istituzione. Se cerchi un modulo contatti semplice da installare, facile da personalizzare e da inserire nelle pagine allora sei nel posto giusto. Questo plugin ti dà la possibilità di generare un modulo per ogni risorsa e puoi gestire con pochi click gli aspetti relativi alla comunicazione privata.

Come inserire un contact form in questi casi? Questo plugin – così come la maggior parte delle estensioni – genera uno shortcode che puoi usare come meglio credi. Basta copiare e incollare il testo generato in un punto della pagina per ottenere il form e posizionarlo dove meglio credi.

Visual Form Builder

Qualcosa di più articolato, non adatto a chi cerca solo un buon modulo per contattare il webmaster ma vuole usare il form con una certa audacia. Il visual builder dedicato al form contatti di WordPress ti offre proprio questo: uno strumento avanzato per chi ha esigenze specifiche.

Ninja Form

Per quanto sia ben strutturato, Contact Form 7 non è per forza la soluzione migliore. E neanche la più performante. Se cerchi qualcosa di più articolato puoi sfruttare Ninja Form, un plugin WordPress basato su un meccanismo di drag and drop per creare il modulo contatti con il minor sforzo possibile.

Ninja Form

Crea il form con il drag & drop.

Un consiglio in più per chi si accinge a creare un contact form per il blog WordPress: non dimenticare di ottimizzare il passaggio di invio email per evitare lo spam. Potrebbe essere necessaria un’azione mirata in questo senso. Oltre al classico Akismet, quindi, potresti aver bisogno di un capcha, un modulo per costringere le persone a verificare un’interazione. Insomma, questo è il modo migliore per evitare di perdere tempo con valanghe di email automatizzate dai bot di messaggi indesiderati.

Dove inserire il contact form nel blog

In linea di massima puoi mettere il contact form dove credi, non ci sono limiti tecnici. Ma il buon senso ti suggerisce di limitare questi elementi dove servono. Nello specifico due sono le pagine fisse che meritano attenzione quando decidi dove aggiungere i moduli per inviare messaggi email:

  • Pagina contatti.
  • Landing page.

La prima è una pagina istituzionale, quella in cui suggerisci all’utente le soluzioni per mettersi in contatto con te. Qui trovi non solo il form, perfetto per velocizzare le operazioni, ma anche l’email per esteso e i numeri di telefono. Senza dimenticare indirizzo fisico e Skype.

Nella landing page, invece, l’obiettivo è diverso. Non si tratta di una semplice operazione di routine ma di una strategia per consentire al singolo di inviare una richiesta. Quindi sarà tuo compito generare un modulo a parte e personalizzare i campi. Come creare un contact form in questi casi?

Buone regole per un contact form efficace

Facile creare un form contatti per WordPress? Sì, però devi avere una serie di riferimenti indispensabili per ottimizzare questo elemento. Vale a dire uno snodo decisivo per fare in modo che gli individui lascino il proprio messaggio. Innescando quel percorso virtuoso che poi ti porta ad acquisire lead e clienti. Allora, quali sono le strategie imprescindibili per ottimizzare questo elemento?

  • Togli ciò che non serve: elimina campi inutili dal form.
  • Verifica la bontà del form da mobile e dai diversi device.
  • Personalizza la call to action del bottone per inviare l’email.
  • Nei campi usa dei testi per invogliare l’utente a compilare.

Ricorda, infine, di creare un form per ogni scopo. Ad esempio ne puoi generare uno per la pagina contatti generica, uno per la landing page delle consulenze e uno per un altro servizio. Infine puoi dare un’etichetta specifica per ogni modulo per rendere subito riconoscibili i messaggi.

Per approfondire: blog aziendale e storytelling, racconta la tua storia

Come creare un contact form secondo te

Oggi ti ho mostrato come creare un contact form e come fare in modo che sia sempre efficace. Inutile far arrivare le persone sul blog, e poi sulle landing page, se poi non riescono a inviare un messaggio per interfacciarsi con te. Dal mio punto di vista generare un modulo contatti è decisivo. Tu sei d’accordo? Hai avuto problemi con questo elemento? Lascia qui la tua opinione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *