SEO e User Experience, insieme per un sito web migliore.

seo e user experience design

Molti crederanno che la SEO e User Experience Design siano due mondi divisi nell’universo del web. Ma non è così. Seo e usabilità in realtà collaborano da sempre insieme per un sito web migliore. La collaborazione tra SEO e User Experience Design, ovvero l’ottimizzazione per i motori di ricerca e la progettazione dell’esperienza dell’utente, è confermata dagli stessi obiettivi:

  • offrire la migliore esperienza sul web da desktop e da mobile in qualunque contesto ad un utente;
  • rispondere nel modo migliore ai bisogni di un utente;

E quindi:

  • aumentare le visite;
  • fidelizzare gli utenti al brand, prodotto e/o servizio, aumentando i visitatori di ritorno;
  • aumentare le conversioni;

Seo e user experience design diventano quindi due momenti complementari della navigazione dell’utente: la seo permette di trovare una pagina all’interno del web, un buon user experience design di trovare il contenuto all’interno della pagina visitata. Seo e user experience quindi si supportano tra loro.

Come ha sostenuto Jakob Nielsen, ux guru, la seo appare prima del primo click e dopo si fa avanti la user experience. “Ricercare” è l’azione naturale e principale che ognuno di noi compie su Internet, anzi trovare informazioni è lo scopo stesso di Internet. Per questo ottimizzare un sito per i motori di ricerca è importante, ma è altresì importante che l’utente all’interno di un sito web possa trovare quello che sta cercando. Ecco alcuni dati: solo in Italia il 96% degli utenti utilizza i motori di ricerca per soddisfare un proprio bisogno (informativo, transazionale, ecc.), di questi l’83% li utilizza proprio per decidere se acquistare o no il prodotto o servizio trovato e/o ricercato.

Come la SEO è influenzata dallo user experience design

Lo user experience design e soprattutto una sua parte, l’usabilità, si concentrano prettamente sulla facilità d’uso di un prodotto o servizio, permettendo all’utente di raggiungere l’obiettivo prefissato in modo efficace, efficiente e soddisfacente all’interno di un contesto.
L’usabilità impatta più di quanto si pensi sul posizionamento di un sito web, Google stesso ha nel tempo evoluto e adattato i  fattori di ranking verso giudizi più “user-centered”. Oggi infatti non bastano più le parole chiave e i link per posizionare bene un sito. I motori di ricerca tengono conto della struttura tecnica di un sito, ad esempio se è mobile friendly, e dei dati di coinvolgimento degli utenti come il tempo di permanenza sul sito o su una pagina, il numero di condivisioni, il numero di visitatori di ritorno e gli inbound link. È necessario considerate la soddisfazione dell’utente come un fattore di posizionamento.

mobile ux

3 consigli

Per far collaborare seo e user experience, il tuo sito deve assolutamente:

  1. Essere facile da usare. Una buona architettura informativa non solo permette all’utente di navigare facilmente all’interno del sito web, ma facilita anche la scansione e l’indicizzazione da parte dei motori di ricerca.
  2. Dare contenuti di valore. I contenuti devono essere facili da fruire e da leggere, oltre che facili da trovare per l’utente e devono essere ottimizzati per i motori di ricerca. In questa checklist trovi tutto quello che devi sapere per un’ottimizzazione on-page.
  3. Fruibile su tutti i device, ma soprattutto su mobile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Grazie per questo approfondimento, è sempre importante tenere a mente che l’usabilità e l’ottimizzazione SEO vanno a braccetto, se si riesce a rendere la navigazione confortevole per l’utente anche i motori di ricerca finiranno per apprezzarlo. A presto!

Reply

Grazie per il commento Ilario!
Siamo spesso abituati a ragionare per “compartimenti stagni”, ma sul web tutto influisce su tutto! Lo user experience design inoltre pervade sia il mondo analogico che quello digitale, non dobbiamo mai sottovalutarlo! 😉

Reply

Ciao Jessica. Articolo assolutamente veritiero.

2 settimane fa ho pubblicato anche un case study sul mio blog, mostrando come un menu di navigazione più focalizzare sulla user experience ha aumentato notevolmente le visite il posizionamento di un grosso ecommerce italiano 🙂

Reply

Ciao Filippo! Grazie per il commento.
Ogni dettaglio di un sito web o un e-commerce può incidere sulle conversioni. Come hai potuto toccare con mano, il menu è proprio uno di questi: fornisce subito all’utente un’idea di che cosa è possibile fare/acquistare su un e-commerce.

Reply